Il Coritecna
\"Sede
La sede del Coritecna

Il Consorzio non ha fini di lucro e si propone di promuovere e svolgere direttamente o tramite convenzioni attività di ricerca scientifica e tecnologica.

In particolare il Consorzio persegue i seguenti fini:


Il Co.Ri.Tecna. è stato costituito per iniziativa dell'Istituto di Studi Politici "San Pio V" di Roma.
I principali soci del Co.Ri.Tecna. sono:

  1. l'Istituto di Studi Politici "S. Pio V"
  2. il D.I.C.I, che realizza corsi di formazione professionale e manageriale;
  3. il Consorzio Universitario di Isernia.

"; include("predicoritecna.htm"); exit();} if ($page=="mappa"){ $errtitle="Mappa"; $styletitle="Coritecna"; $errstyle="verifica.css"; $position="Mappa"; $errore="

Come raggiungere il Consorzio


"; include("predicoritecna.htm"); exit();} if ($page=="guida"){ $errtitle="Guida"; $styletitle="Coritecna"; $errstyle="verifica.css"; $position="Guida"; $errore="

Guida alla navigazione


Il sito è strutturato in 6 sezioni:

Il Consorzio

In questa sezione del sito è possibile trovare le informazioni sul Consorzio per la Ricerca Scientifica e Tecnologica

I Soci

In questa sezione del sito è possibile trovare le informazioni sui soci del Consorzio

Attività

In questa sezione del sito è possibile trovare le informazioni sulle attività del Consorzio

Novità

In questa sezione del sito è possibile consultare le ultime news riguardanti le attività del Consorzio

Statuto

In questa sezione del sito è possibile leggere lo Statuto del Consorzio per la Ricerca Scientifica e Tecnologica

Ricerca

In questa sezione del sito è possibile trovare informazioni sulla Ricerca "Sistemi di accreditamento delle Strutture Formative del Personale della Pubblica Amministrazione"

"; } if ($page=="statuto"){ $errtitle="Lo Statuto"; $position="Lo Statuto"; $errore="

Lo Statuto

Art.1 Costituzione
1. Per iniziativa dell' Istituto di Studi Politici "S.Pio V" di Roma è costituito, ai sensi dell'art. 14 e seguenti del Codice Civile il Consorzio per la ricerca scientifica e tecnologica (CO.RI.TECNA) nel seguito denominato Consorzio.

Art.2 – Sede
1. Il Consorzio CO.RI.TECNA ha sede in Roma, Piazza Capranica 95.

Art.3 Consorziati
1. Partecipano al Consorzio:

  1. l'Istituto di Studi Politici "S. Pio V", quale ente promotore;
  2. il D.I.C.I;
  3. il Consorzio Universitario di Isernia.

2. Possono aderire in qualità di soci:
a) le Università e gli Istituti di istruzione universitaria;
b) gli enti di ricerca pubblici e privati;
c) le Regioni, gli enti locali e territoriali, nonché gli enti pubblici anche economici;
d) organizzazioni di produttori ed imprese, singole e associate, interessate e qualificate per il raggiungimento degli scopi consortili.
3. L'Assemblea dei soci, su proposta del Consiglio di Amministrazione, decide sull'ammissione di nuovi soci, stabilendo, nel quadro di quanto previsto dal presente Statuto, diritti, obblighi ed apporti.

Art.4 Durata

  1. La durata del Consorzio è stabilita in 10 anni dalla data della sua costituzione e potrà essere prorogata con il consenso di tutti i soggetti in relazione alle esigenze di compiuta realizzazione degli scopi.
  2. Il Consorzio potrà cessare prima del termine per la impossibilità accertata di realizzazione degli scopi istituzionali o per deliberazione unanime dell'Assemblea.

Art.5 Fondo consortile
1. Il fondo consortile è così costituito:

  1. dalla quota versata all'atto dell'ingresso nel Consorzio da ciascun consorziato;
  2. dalle riserve costituite mediante l'accantonamento delle eventuali eccedenze di bilancio, dietro conforme delibera dell'Assemblea in sede di approvazione del bilancio d'esercizio.

2. Al momento della costituzione del Consorzio, il fondo consortile è costituito dalle donazioni dei Soci Fondatori.
3. La partecipazione al Consorzio da parte di Università e di enti di diritto pubblico può essere caratterizzata esclusivamente da apporti di prestazioni, conoscenze, competenze ed attività tecnico-scientifiche.
4. L'ammontare del contributo di cui alla lettera a) è stabilito dall'Assemblea.
5. Il fondo consortile è destinato esclusivamente a garantire le obbligazioni assunte dal Consorzio verso terzi.


Art.6 Scopi
1. Il Consorzio non ha fini di lucro e si propone di promuovere e svolgere direttamente o tramite convenzioni attività di ricerca scientifica e tecnologica nei settori delle scienze storiche, storico-politiche ed umanistiche nel loro complesso, in quelli biomedico, giuridico , economico e del credito, oltre che nei settori di volta in volta individuati su proposta del Comitato tecnico-scientifico, con deliberazione del Consiglio di amministrazione come rispondenti alle esigenze operative, organizzative e scientifiche del Consorzio stesso.
2. In particolare, il Consorzio persegue i seguenti fini:

  1. progettare e attivare iniziative nel campo della ricerca, della formazione e della documentazione;
  2. favorire la cooperazione tra gli enti consorziati in ordine alle iniziative di ricerca afferenti ai settori di cui al comma 1;
  3. individuare e potenziare le risorse necessarie al perseguimento dei fini istituzionali, anche attraverso il ricorso ai finanziamenti previsti dalla legislazione comunitaria, nazionale e regionale, ed in particolare dalla legge n.46/82 e successive modificazioni;
  4. svolgere attività di promozione e di diffusione delle conoscenze, compatibilmente con gli scopi consortili.

Art.7 Entrate
1. Costituiscono entrate del Consorzio:

  1. contributi, finanziamenti e partecipazioni in denaro, beni e servizi, concessi dalla Unione Europea, dallo Stato, da Enti pubblici e privati, da associazioni e da chiunque voglia contribuire al raggiungimento degli scopi consortili;
  2. quote di adesione in denaro, beni o servizi, versate inizialmente dai consorziati secondo le modalità, le quantità e i tempi stabiliti dal Consiglio di Amministrazione;
  3. contributi periodici, anch'essi in denaro, beni e servizi, richiesti dalConsiglio di Amministrazione ai consorziati, in relazione agli obblighi assunti dal consorzio e alle spese di gestione ed amministrazione, fatto salvo quanto previsto dall'art.5, comma 3;
  4. eventuali rimborsi e recuperi di somme, a qualunque titolo sostenute dal Consorzio in favore dei consorziati;
  5. ricavi derivanti dai servizi e/o attività prestati ai consorziati e/o a terzi o dalla utilizzazione dei beni, materiali ed immateriali, del Consorzio;
  6. contributi straordinari a fronte di eventuali necessità di gestione, fatto salvo quanto previsto dall'art.5, comma 3.

2.Il Consorzio, non avendo scopo di lucro, non potrà distribuire utili ai consorziati ed eventuali avanzi di amministrazione saranno utilizzati per i fini istituzionali.

Art.8 Organi del Consorzio
1. Sono organi del Consorzio:

  1. l'Assemblea dei soci;
  2. il Consiglio di Amministrazione
  3. il Presidente ed il Vice-Presidente;
  4. il Segretario Generale;
  5. il Collegio dei revisori dei conti;
  6. il Comitato Tecnico-Scientifico.

Art.9 L'Assemblea
1. L'Assemblea è composta da tutti i soci consorziati.
2. Sono di competenza dell'Assemblea:

  1. la nomina dei membri del Consiglio di Amministrazione, su designazione dei consorziati, salvo quelli di nomina diretta;
  2. la nomina dei membri del Collegio dei revisori dei conti, salvo quelli di nomina diretta;
  3. la nomina dei membri del Comitato Tecnico-Scientifico, su proposta dei singoli consorziati, salvo quelli di nomina diretta;
  4. la nomina dei liquidatori, tranne il caso della mancanza di pluralità dei partecipanti, per l'ipotesi in cui venga deliberato lo scioglimento del Consorzio;
  5. l'approvazione, almeno trenta giorni prima dell'inizio dell'esercizio finanziario, su proposta del Consiglio di Amministrazione e sentito il Comitato Tecnico-Scientifico, del programma annuale di attività, costituito da piani scientifici di attività per ciascuna iniziativa del Consorzio, e del bilancio preventivo accompagnato dalla relazione del Collegio dei revisori dei conti;
  6. l'Approvazione, entro il 30 giugno, su proposta del Consiglio di Amministrazione, del conto consuntivo, costituito dal conto del bilancio e dalla situazione patrimoniale, accompagnati dalla relazione del Collegio dei revisori dei conti e da quella del Comitato Tecnico-Scientifico sull'attività svolta ed i risultati conseguiti;
  7. le modifiche all'atto costitutivo ed allo Statuto del Consorzio;
  8. la proroga, lo scioglimento anticipato e la messa in liquidazione del Consorzio;
  9. l'ammissione o l'esclusione dei consorziati;
  10. la determinazione del compenso dei componenti gli organi di cui all'art.8, lettere da b) a f);
  11. ogni altra attribuzione prevista dalla legge o dal presente Statuto.

Art.10 Tipi di assemblee
l'Assemblea è ordinaria o straordinaria. le deliberazioni di cui ai punti g) ed h) dell'articolo 9 sono assunte dall'Assemblea straordinaria la quale è, altresì, convocata ogni qualvolta lo ritenga opportuno il Consiglio di Amministrazione, ovvero la richieda l'Istituto di Studi Politici "S.Pio V", oppure la maggioranza degli altri consorziati.

Art.11 Funzionamento dell'assemblea

  1. L'Assemblea, sia ordinaria che straordinaria, è convocata dal Presidente del Consorzio o dal Vice-Presidente, in caso di assenza o impedimento del primo, mediante lettera raccomandata spedita almeno 15 (quindici) giorni prima della data della riunione, contenente l'indicazione dell'ordine del giorno, della data e dell'ora stabilite per la convocazione, nonché del luogo della riunione.
  2. In caso di urgenza l'Assemblea straordinaria può essere convocata mediante telegramma spedito almeno 5 (cinque) giorni prima dell'adunanza, con le indicazioni di cui al comma 1.
  3. In ogni caso sono valide ed operanti le riunioni e le relative deliberazioni dell'Assemblea, anche se in difetto di preventiva convocazione, qualora sia presente la totalità dei consorziati.
  4. L'Assemblea è presieduta dal Presidente del Consorzio o dal Vice-Presidente in caso di assenza o impedimento del primo, ed è validamente costituita quando sia presente la maggioranza dei consorziati, di persona o per delega. Il Segretario Generale del Consorzio può assistere alle sedute dell'Assemblea.
  5. Ogni consorziato ha diritto ad un voto e può rappresentare solo un altro consorziato, essendo vietato il cumulo di deleghe.
  6. Le deliberazioni sono validamente assunte se approvate dalla maggioranza dei consorziati presenti, ad eccezione delle deliberazioni attinenti la proroga, lo scioglimento anticipato del Consorzio o modifiche dell'atto costitutivo o dello Statuto del Consorzio, che devono essere assunte col voto favorevole di tutti i consorziati.
  7. Dello svolgimento delle assemblee e delle deliberazioni assunte è redatto verbale da trascriversi sul libro delle assemblee da comunicarsi a tutti i consorziati, con lettera raccomandata con ricevuta di ritorno.
  8. Il verbale è firmato dal Presidente e dal Segretario dell'Assemblea.

Art.12 Consiglio di Amministrazione

  1. Per la realizzazione degli scopi consortili, l'amministrazione del Consorzio è affidata ad un Consiglio di Amministrazione, che ha i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione.
  2. Il Consiglio di Amministrazione in particolare:
  1. delibera su tutti gli atti di gestione che non siano di competenza dell'Assemblea per legge o per Statuto, seguendo le direttive stabilite dall'Assemblea stessa;
  2. delibera le attività e le linee di sviluppo del Consorzio sulla base del programma annuale di attività, nonché la partecipazione a congressi e convegni;
  3. propone all'Assemblea, sentito il Comitato Tecnico-Scientifico, in tempo utile per l'approvazione, almeno trenta giorni prima dell'inizio dell'esercizio finanziario, il programma annuale di attività costituito da piani specifici di attività per ciascuna iniziativa del Consorzio ed il bilancio preventivo, accompagnato dalla relazione del Collegio dei revisori dei conti;
  4. propone all'Assemblea, entro il 30 giugno, il conto consuntivo costituito dal conto del bilancio e dalla situazione patrimoniale, accompagnati dalla relazione del Collegio dei revisori dei conti e da quella del Comitato Tecnico-Scientifico sull'attività svolta e sui risultati conseguiti;
  5. delibera la stipulazione di convenzioni e contratti, l'assunzione di obbligazioni di qualsiasi genere, sia con enti pubblici che con enti privati, nonché l'accettazione di contributi volontari e donazioni;
  6. determina le modalità e i termini di corresponsione della quota di adesione e dei contributi a carico dei consorziati e di ogni altro apporto da loro dovuto in conformità del contratto consortile;
  7. propone all'Assemblea le eventuali modifiche dell'atto costitutivo e dello Statuto, l'ammissione di nuovi consorziati, nonché l'eventuale proroga o scioglimento o messa in liquidazione del Consorzio;
  8. valuta e quantifica le quote e i contributi in beni, servizi o prestazioni, secondo quanto disposto nello Statuto;
  9. nomina il Vice-Presidente ed il Segretario Generale;
  10. adotta i regolamenti interni e di esecuzione dello Statuto;
  11. cura il deposito di eventuali brevetti emersi dalle attività del Consorzio e ne gestisce le modalità di utilizzazione;
  12. definisce l'organico del personale del Consorzio e delibera eventuali modifiche.

3. Le deliberazioni di cui ai punti b), h), i), m), n) devono essere assunte sentito il parere del Comitato Tecnico-Scientifico.

Art.13 Funzionamento del Consiglio di Amministrazione

  1. Il Consiglio di Amministrazione è composto dal Presidente del Consorzio e da un numero pari di componenti dotati di adeguati requisiti tecnico-professionali, compreso tra un minimo di 6 ed un massimo di 8, nominati dall'Assemblea dei soci che ne determina il numero. La nomina della metà dei componenti del Consiglio di Amministrazione è riservata ai soci di cui all'art.3, comma 1. In ogni caso all'Istituto di Studi Politici "S. Pio V" è riservata la nomina di 3 consiglieri.
  2. I componenti del Consiglio di Amministrazione restano in carica per un periodo di tre anni, a meno di loro dimissioni, revoca o sostituzione e possono essere rinnovati. Il loro compenso è determinato dall'Assemblea.
  3. In ogni caso di cessazione dalla carica prima della scadenza del triennio di uno o più consiglieri di nomina dell'Assemblea, provvede la stessa assemblea, reintegrando il numero mediante cooptazione su indicazione dei consorziati aventi diritto alla designazione medesima.
  4. In caso di cessazione della maggioranza delle cariche decade l'intero Consiglio di Amministrazione ed il Presidente convoca urgentemente l'Assemblea per la nomina del nuovo Consiglio.
  5. Il Consiglio di Amministrazione si riunisce, normalmente, presso la sede del Consorzio ed è convocato dal Presidente o dal Vice-Presidente, in caso di assenza o impedimento del primo, per mezzo di lettera raccomandata con preavviso di almeno 8 (otto) giorni ed indicazione dell'ordine del giorno. In caso di urgenza, la convocazione potrà essere effettuata telegraficamente ed il termine di preavviso è fissato in 5 (cinque) giorni.
  6. Il Consiglio di Amministrazione è convocato almeno quattro volte all'anno e, in ogni caso, quando lo ritenga opportuno il Presidente o lo richiedano almeno tre consiglieri.
  7. Il Consiglio di Amministrazione può delegare la gestione di particolari materie e per periodi definiti, ad uno dei suoi membri e/o al Segretario Generale, con obbligo di riferire almeno trimestralmente al Consiglio.
  8. Il Consiglio di Amministrazione delibera a maggioranza dei componenti; in caso di parità dei voti prevale il voto del Presidente.
  9. I consiglieri hanno l'obbligo di partecipare alle riunioni del Consiglio
  10. Può essere dichiarato decaduto dalla carica, con delibera dell'Assemblea, il Consigliere che non partecipi, senza giustificato motivo, a tre riunioni consecutive ovvero ai due terzi delle riunioni tenute nell'anno solare.
  11. Delle riunioni dovrà essere redatto un verbale da inserire in apposito libro di raccolta.

Art.14 Il Presidente

  1. Il Presidente del Consorzio viene eletto dall'Assemblea, tra una terna di nominativi proposta dall'Istituto di Studi Politici "S.Pio V", ed ha, a tutti gli effetti, la rappresentanza legale del Consorzio in qualunque sede, anche giudiziaria, con facoltà di promuovere e transigere liti o resistere in giudizio previa deliberazione del Consiglio di Amministrazione.
  2. Il Presidente del Consorzio:
    - provvede all'esecuzione delle deliberazioni del Consiglio di Amministrazione;
    - svolge le trattative per l'acquisizione di contratti secondo le direttive impartite dal Consiglio di Amministrazione;
    - espleta tutte le azioni ritenute utili e necessarie per il conseguimento dei fini sociali;
    - convoca e presiede l'Assemblea dei soci ed il Consiglio di Amministrazione.
  3. Il Presidente esercita i poteri conferitegli dal presente Statuto e dal Consiglio di Amministrazione.
  4. In caso di assenza o di impedimento del Presidente le sue funzioni sono svolte da un membro del Consiglio di Amministrazione scelto tra i consiglieri designati dall'Istituto di Studi Politici "S. Pio V".

Art.15 Il Segretario Generale

  1. Il Consiglio di Amministrazione nomina il Segretario Generale del Consorzio, tra personalità provviste di specifica professionalità ed esperienza gestionale nei settori oggetto dell'attività del Consorzio, e ne determina gli emolumenti e la durata in carica.
  2. Il Segretario Generale del Consorzio esercita le seguenti funzioni:
    - sviluppare in forma operativa il programma di attività;
    - predisporre il programma annuale di attività ed il bilancio preventivo da sottoporre al Consiglio di Amministrazione per la successiva approvazione da parte dell'Assemblea, controllarne l'attuazione e curarne la gestione;
    - redigere il conto consuntivo, costituito dal conto del bilancio e dalla situazione patrimoniale, da sottoporre al Consiglio di Amministrazione per la successiva approvazione da parte dell'Assemblea;
    - rendere esecutive, seguendo le direttive del Consiglio di Amministrazione, tutte le necessarie procedure normative, operative, amministrative e finanziarie richieste dalla realizzazione del Programma di attività del Consorzio;
    - curare il coordinamento delle varie fasi in cui si articola la realizzazione del programma stesso nel rispetto del piano operativo formulato dal Consiglio di Amministrazione ;
    - controllare l'andamento della realizzazione del Programma e riferire al Consiglio di Amministrazione ed al Comitato Tecnico-Scientifico circa eventuali ritardi o problemi;
    - mantenere i necessari contatti con i responsabili del Programma dei singoli consorziati, in relazione alla parte delle attività affidate a ciascuno di essi.
  3. Al Segretario Generale del Consorzio possono essere delegate dal Consiglio di Amministrazione, in tutto o in parte, le seguenti funzioni:
    - sottoscrivere i contratti nelle formulazioni già approvate dal Consiglio di Amministrazione;
    - sottoscrivere proposte ed offerte e negoziare e stipulare contratti di ordinaria amministrazione rientranti nell'oggetto consortile, nei limiti di somma determinati dal Consiglio di Amministrazione stesso e qualunque atto ad essi relativo o conseguente, con tutte le clausole ritenute opportune, compresa la clausola compromissoria;
    - porre in essere rapporti di conto corrente con gli Istituti di Credito; fare prelievi, nei limiti dei fidi concessi e preventivamente approvati dal Consiglio di Amministrazione, e ricevere pagamenti, emettere, girare, esigere e quietanzare assegni circolari e bancari; emettere fatture; esigere crediti rilasciando quietanza, sia nei confronti di privati che di pubbliche amministrazioni ed enti pubblici, sia italiani che stranieri, esonerando i soggetti solventi da ogni responsabilità;
    - provvedere agli acquisti necessari per la materiale organizzazione del Consorzio;
    - sottoscrivere atti o documenti necessari per lo svolgimento delle attività consortili o per l'amministrazione del Consorzio, ivi incluse le dichiarazioni e le certificazioni prescritte dalla normativa fiscale e valutaria.
  4. Il Segretario Generale partecipa con voto consultivo alle riunioni del Consiglio Amministrazione e svolge le funzioni di segretario.

Art.16 Collegio dei revisori dei conti

  1. Il Collegio dei revisori dei conti svolge le funzioni di cui agli artt. 2403 e seguenti del Codice Civile ed è composto da tre sindaci effettivi e due supplenti, nominati dall'Assemblea dei quali un sindaco effettivo e un supplente sono designati dall'Istituto di Studi Politici "S. Pio V".
  2. Ai componenti il Collegio spetta il compenso stabilito dall'Assemblea.

Art.17 Il Comitato Tecnico-Scientifico

  1. Il Comitato Tecnico-Scientifico è organo di consulenza tecnico-scientifica del Consorzio.
  2. Il Comitato è composto da nove membri, che durano in carica tre anni, nominati dall'Assemblea dei consorziati su proposta di ciascun consorziato, tenendo conto della necessità di rappresentanza delle aree tecnico-scientifiche in cui il Consorzio svolge la propria attività e degli specifici interessi dei consorziati.
  3. Dei nove membri, tre sono designati dall'Istituto di Studi Politici "S. Pio V".
  4. Il comitato nomina al suo interno il Presidente, fra i membri designati dall'Istituto di Studi Politici "S. Pio V" e un Vice Presidente e delibera a maggioranza.
  5. Il Comitato è convocato e presieduto dal suo Presidente ed alle sedute partecipano il Presidente del Consorzio, o un Consigliere di Amministrazione da lui delegato, nonché il Segretario Generale del Consorzio.
  6. Delle riunioni dovrà essere redatto verbale da inserire in apposito libro di raccolta.

Art.18 Esercizio sociale

  1. L'attività del Consorzio viene organizzata sulla base di programmi di attività in relazione all'oggetto del Consorzio.
  2. L'esercizio finanziario ha inizio il 1 Gennaio e termina il 31 Dicembre di ciascun anno.
  3. Il primo esercizio finanziario ha inizio alla data della firma dell'atto costitutivo e termina il 31 Dicembre dell'anno.
  4. Per ciascun esercizio sociale, oltre alla situazione patrimoniale è compilato il conto consuntivo, i quali sono presentati all'esame ed alla approvazione dell'Assemblea.

Art.19 Libri del Consorzio
Oltre ai libri e alle scritture contabili previste dalla legge, il Consorzio deve tenere:

Art.20 Cause di scioglimento

  1. Il Consorzio si scioglie, oltre che nei casi previsti dal Codice Civile, per il venire meno della pluralità dei consorziati, qualora essa non venga ricostituita entro sei mesi.
  2. Costituisce giusta causa di scioglimento la impossibilità accertata di realizzazione degli scopi istituzionali ai sensi dell'ultimo comma dell'art.4.

Art.21 Nomina dei liquidatori

  1. L'Assemblea, deliberando lo scioglimento del Consorzio, nomina tre liquidatori e determina i criteri di massima per la devoluzione del fondo consortile residuato dopo il pagamento di tutte le passività.
  2. In ogni caso non potrà essere posto a carico di alcun consorziato alcune onere di assorbimento dell'eventuale personale dipendente del Consorzio
  3. L'Assemblea, in particolar modo, detterà in conformità della legge i criteri di utilizzazione, da parte dei consorziati, dei risultati, metodologie e processi produttivi acquisiti a seguito della ricerca scientifica, salvo eventuali diritti che competano allo Stato.

Art.22 Disposizioni finali
1. Per tutto quanto non previsto dal presente Statuto, si applicano le norme del Codice Civile e le altre disposizioni legislative e regolamentari che disciplinano la materia.

"; } if ($page=="novita"){ $errtitle="Novità"; $position="Novità"; $errore="

Novità



Si è svolto lunedì 11 ottobre 2004 a Roma, nella sede della Libera Università degli Studi S. Pio V, in via delle Sette Chiese 139, il seminario di presentazione della ricerca sui "Sistemi di Accreditamento delle strutture formative del personale della Pubblica Amministrazione".

Al Seminario, organizzato nell'ambito delle azioni di sistema tendenti allo sviluppo della qualità e dell'efficacia nel sistema formativo pubblico dal Co.Ri.Tecna. per iniziativa del Dipartimento della Funzione Pubblica, hanno partecipato il Prof. Roberto Manna, Presidente del Co.Ri.Tecna., la dott.ssa Vittoria Cardilli, Dirigente del Dipartimento della Funzione Pubblica, la dott.ssa Anna Gammaldi, dirigente del Formez, l'Ing. Antonino Albanese, esperto di macrosistemi formativi ed il prof. Sergio Zoppi, docente dell'Università S. Pio V.

L'accreditamento delle strutture formative è uno strumento indispensabile per realizzare politiche efficaci di sviluppo delle risorse umane e conseguire garanzie preventive sulle capacità tecniche ed organizzative degli organismi che realizzano azioni formative.

In tale quadro, il seminario ha presentato alle Amministrazioni locali i contenuti e l'articolazione della ricerca, al fine di generare, attraverso il loro coinvolgimento ed alla luce delle esperienze già fatte o in corso di realizzazione, indicazioni operative utili al miglioramento o alla costruzione di nuovi sistemi di accreditamento.

"; } if ($page=="attivita"){ $errtitle="Attività"; $position="Attività"; $errore="

Attività istituzionali

\"Gli
Gli uffici del Coritecna

Elenco delle principali attività che il Consorzio per la Ricerca Scientifica e Tecnologica ha svolto negli ultimi anni:

"; } if ($page=="consorzio"){ $position="Consorzio"; $errore="

Il Coritecna

\"Sede
La sede del Coritecna

Il Consorzio non ha fini di lucro e si propone di promuovere e svolgere direttamente o tramite convenzioni attività di ricerca scientifica e tecnologica.

In particolare il Consorzio persegue i seguenti fini:


Il Co.Ri.Tecna. è stato costituito per iniziativa dell'Istituto di Studi Politici "San Pio V" di Roma.
I principali soci del Co.Ri.Tecna. sono:

  1. l'Istituto di Studi Politici "S. Pio V"
  2. il D.I.C.I, che realizza corsi di formazione professionale e manageriale;
  3. il Consorzio Universitario di Isernia.

"; } if ($page=="accessibilita"){ $position="Accessibilità"; $errore="

Accessibilità

Le pagine del Coritecna sono accessibili a qualunque tipologia di utenti e visionabili utilizzando qualunque tipo di hardware. In queste pagine non si fa uso di tabelle.

Comandi di navigazione delle pagine del Consorzio


Comandi da tastiera relativi alle pagine del Consorzio:

Premere invio dopo avere digitato la combinazione relativa alla pagina desiderata.




"; } if ($page=="copy"){ $errtitle="Note Legali"; $position="Note Legali"; $errore="

Note Legali

Utilizzazione del sito del Coritecna
Il Coritecna non potrà essere ritenuto responsabile nei confronti degli utenti dei danni di qualsiasi natura causati dall'utilizzo del sito, dall'impossibilità di accedervi o dall'utilizzazione delle notizie in esso contenute. Il Coritecna non garantisce la completezza delle notizie fornite sul suo sito.

Copyright
Tutti i contenuti e le informazioni presenti all'interno del sito del Coritecna sono protetti ai sensi della normativa sul diritto d'autore, pertanto nulla, neppure in parte, potrà essere copiato, modificato o rivenduto per fini di lucro o per trarne qualsivoglia utilità.

Accesso ai siti collegati
Il Coritecna non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti esterni, ai quali è possibile accedere tramite collegamenti posti all'interno del suo sito, forniti come semplice servizio agli utenti della rete e senza che ciò implichi l'approvazione dei siti stessi.

Privacy
I dati che pervengano al sito del Coritecna, spontaneamente dagli utenti di esso o perché richiesti nel corso dei collegamenti, saranno sottoposti al trattamento previsto dalla normativa sulla privacy.

Problemi tecnici
Si invitano gli utenti a segnalare eventuali errori o malfunzionamenti, all'indirizzo: segreteria@coritecna.com.

"; } if ($page=="soci"){ $errtitle="I Soci"; $position="I Soci"; $errore="

I Soci

I principali soci del Co.Ri.Tecna. sono:

\"Logo L'Istituto di Studi Politici "S. Pio V"

L'Istituto, ente promotore della Libera Università degli Studi "S. Pio V", ha ottenuto la personalità giuridica nel 1986 (D.P.R. 10 febbraio 1986, n. 101).
Ha lo scopo di promuovere e incoraggiare, in Italia e all'estero, gli studi nelle dicipline umanistiche, con particolare riferimento a quelle storico–politiche, nonchè ai problemi della società contemporanea.
Presidente è il Prof. Francesco Leoni, coadiuvato dal Consiglio Direttivo.
La sede dell'Istituto è a Roma, in Piazza Navona 93.
L'Istituto ha attivato due strutture didattiche:

Altre iniziative promosse dall'Istituto sono:

L'Istituto è proprietario della Editrice Apes, la società editoriale fondata oltre 30 anni fa dal gesuita Padre Virginio Rotondi. Il periodico ufficiale dell'Istituto è la "Rivista di Studi Politici", trimestrale, fondata nel 1989.

Il Distretto Informazione Cultura Innovazione

Il il D.I.C.I realizza:

"; } if ($page=="ricerca"){ $errtitle="La Ricerca"; $errstyle="coritecnastyle.css"; $position="Ricerca"; $errore="

Ricerca

Sistemi di Accreditamento delle strutture formative del personale della Pubblica Amministrazione


\"Immagine

Il Dipartimento della Funzione Pubblica, Ufficio formazione, nell'ambito delle azioni di sistema tendenti allo sviluppo della qualità e dell'efficacia nel sistema formativo pubblico, ha affidato al consorzio Co.Ri.Tecna. l'incarico di realizzare una ricerca su "Sistemi di Accreditamento delle strutture formative del personale della Pubblica Amministrazione".
L'11 ottobre 2004 si svolgerà il seminario di presentazione dell'iniziativa presso la Libera Università degli Studi S. Pio V, via delle Sette Chiese 139, Roma, ore 15:00.
È possibile consultare e scaricare il programma della giornata e la scheda di adesione al seminario in formato pdf o rtf.

Scarica il Programma in formato pdf o rtf.

Scarica la scheda di adesione in formato pdf o rtf.







"; } include("predicoritecna.htm"); exit(); // ############################################################ // #Coritecna # // # Database # // ############################################################ // # by Barbara Vitiello # // # Contatti: bvitiello@virgilio.it // ############################################################ // # Non rimuovere ! # // ############################################################ // # Generatore # // ############################################################ ?>